Cerca nel sito


Errore
  • Errore nel caricamento dei dati feed.
Circolo P.D. di San Giuliano Mil.se
saremo nelle piazze Stampa
Sabato 18 Luglio 2020

 

Cara Democratica, caro Democratico,

questo (sabato 18 e domenica 19) e il prossimo weekend (25 e 26) saremo nelle piazze e nelle strade, a Milano città e area Metropolitana, per una mobilitazione dal titolo “In Lombardia non è andato tutto bene, è ora di cambiare”, sul tesseramento e sul tema della Sanità lombarda.

Un’occasione per incontrarci, dopo tanti mesi di sofferto ma necessario isolamento, e confrontarci.
Come sai l’emergenza sanitaria ci ha imposto un periodo di stop, nel quale abbiamo interrotto qualsiasi attività o iniziativa sul territorio. Ma questo non ha voluto dire, per noi, uno stop della politica: in questi mesi ci siamo fatti sentire e abbiamo denunciato, tutte le volte che era necessario farlo, le gravi mancanze di Regione Lombardia e raccontato il lavoro che abbiamo portato avanti sul territorio, nelle attività di volontariato, nei Municipi, in Comune, in Regione e in Parlamento.

In Lombardia, come dice lo slogan della mobilitazione, non è andato tutto bene. Nella nostra regione il sistema sanitario non ha retto l’impatto della pandemia, e la principale indiziata di questo fallimento è la legge sanitaria numero 23, voluta da Maroni e portata avanti dall’attuale giunta Fontana, la cui sperimentazione si concluderà a giorni. Ecco perché questa è l’occasione per cambiare radicalmente la sanità in Regione Lombardia.
Insieme al PD regionale abbiamo lavorato ad un modello nuovo, che abbia finalmente al centro il paziente e la sua cura. Ecco perché questa mobilitazione sarà l’occasione di confrontarci con le cittadine e i cittadini su proposte concrete e per presentare la nostra campagna di tesseramento 2020 “C’è da fare e da rifare. La differenza la fai tu”

Prima di darci appuntamento alla prossima settimana, ci teniamo a condividere con te un report (lo trovi allegato a questa mail) prodotto dal nostro Dipartimento Europa, sulla gestione dell'emergenza Covid-19 da parte dell'UE.  
La portata della crisi ha reso necessaria una migliore sinergia tra i diversi livelli di governance (locale, nazionale e sovranazionale), nonché una più stretta collaborazione tra gli Stati europei. Fin da subito l'Unione Europea ha risposto alla pandemia, mettendo in campo provvedimenti importanti (nell’ambito di quello che è attualmente il proprio perimetro di competenza e responsabilità).
A partire dal documento citato sopra, abbiamo realizzato un breve video (lo puoi vedere cliccando l'immagine che trovi di seguito), che ti invitiamo a condividere con i tuoi contatti, dove raccontiamo le principali misure adottate a livello europeo nei mesi scorsi e il loro impatto per il nostro Paese.




La situazione di emergenza ha obbligato l'UE a sostituire la parola "rigore" con quella di "flessibilità", rafforzando strumenti pre-esistenti di cooperazione tra gli Stati e creandone di nuovi (si pensi ad esempio al Fondo SURE).
Superata (speriamo!) la fase più acuta dell'emergenza, serve ora ripartire: è per questo che la partita che i leader europei stanno giocando proprio ora a Bruxelles sul Recovery Fund (il Piano europeo per la ripartenza proposto dalla Commissione europea) sarà cruciale per capire l'entità complessiva della risposta europea alla pandemia e, più sul lungo-termine, ci aiuterà a capire se, e in che direzione, potrà evolvere l'assetto politico europeo.

 

 
Hai già riNnovato la tessera? Stampa
Lunedì 13 Luglio 2020

 

Cara, caro, come ben sai, l'Italia sta attraversando una fase di grande difficoltà.

Stiamo faticosamente uscendo dall'emergenza sanitaria, divenuta poi crisi economica e sociale, ma il momento è ancora carico di incertezze e preoccupazioni per molte persone.

Oggi le cittadine e i cittadini si aspettano da noi grande responsabilità, dopo quella che loro stessi hanno dimostrato – e tutt'ora dimostrano – nell'affrontare questa pandemia.

Una responsabilità che dobbiamo ripagare dando loro grande fiducia e possibilità di agire, di avere un ruolo da protagonisti.

Per questo la nostra campagna di tesseramento di quest'anno "C'è da fare e da rifare.

La differenza la fai tu" si rivolge direttamente a loro.

Fa leva, infatti, sull'importanza di fare politica proprio in questo momento storico, di lanciare il segno nel disegnare una nuova società post coronavirus.

Questa pandemia, come sappiamo, ha cambiato le nostre abitudini e ha spazzato via moltissime delle nostre certezze, perciò c'è da fare per scrivere pagine nuove.

Ma c'è anche da rifare, perchè questa enorme crisi sanitaria, economica e sociale, ha svelato nuove povertà, disuguaglianze e nuovi bisogni per i quali serve ripensare ad un nuovo modello di società e di sviluppo delle nostre città e del nostro Paese.

Mai come oggi, siamo convinti, si possa davvero ricostruire e rifondare l'Italia a partire dalle idee, dai progetti e dalle ambizioni di chi ha voglia di farlo.

E in questo tu puoi svolgere un ruolo fondamentale: nello stimolare donne e uomini che, per le loro storie, esperienze e competenze, possono portare un contributo nella nostra comunità e partecipare alla sfida per rilanciare Milano Metropolitana e l'Italia.

La politica ha il potere di cambiare le cose, di dare voce a chi una voce non ce l'ha.

Questo è il momento di agire: come Partito Democratico non possiamo sottrarci, anzi vogliamo essere in prima fila nel ridare speranza e fiducia a chi oggi si sente abbandonato e ha paura del futuro.

Non lasciamo spazio a chi sta dall'altra parte, a chi è pronto a scagliarsi su quelle paure per trasformarle in rabbia sociale

Insieme siamo più forti e possiamo andare lontano: aiutaci a far crescere la nostra comunità.

Vogliamo far sentire tutti coinvolti e coltivare e rafforzare la nostra bella comunità
  per renderla coesa e unita verso questi ambiziosi obiettivi. 


Per farlo però, più che mai, c'è bisogno che noi, per primi, diamo l'esempio.

Noi abbiamo la responsabilità, ciascuno secondo il proprio impegno, di guidarla questa nostra comunità.

E la prima cosa importante che possiamo fare, il primo esempio che possiamo e che dobbiamo dare è tesserarci, dimostrando un'attenzione a un partito che vive una fase complicata anche dal punto di vista economico.

E' fondamentale perchè¨vogliamo aiutare l'Italia a raggiungere i traguardi che abbiamo individuato e perchè è il modo più importante anche per sostenere i nostri Circoli e le nostre realtà che lavorano sul territorio con grandissimo impegno.


Grazie per ciò che farai,


Silvia Roggiani

Segretaria metropolitana PD Milano

 
Salviamo la Lombardia Stampa
Martedì 23 Giugno 2020

 

 

Cara Democratica, caro Democratico,
l’epidemia sta rallentando in tutto il Paese, si intravedono spiragli positivi per una ripresa. Tuttavia a preoccuparci sono ancora i contagi nella nostra regione, dove registriamo l’80% di quelli nazionali.
Di fronte a questa situazione, chi guida la Lombardia appare in chiara confusione e molto affaticato. Denunciamo da mesi l’inadeguatezza della giunta lombarda e in particolare del duo Fontana e Gallera, che non hanno ancora ammesso i propri errori, e anzi pensano di scaricare la responsabilità sui tecnici e dirigenti rimossi.
Una gestione fallimentare certificata da un numero gigantesco di contagi e morti che è ormai sotto gli occhi di tutti, e in particolare sotto gli occhi di chi è alla ricerca di giustizia. Giustizia per i propri cari, genitori, fratelli, sorelle, amici o amiche che, forse, avrebbero potuto salvarsi.
Per questo motivo come Partito Democratico abbiamo scelto di partecipare alla manifestazione di sabato 20 giugno, alle 15 in piazza Duomo, “Salviamo la Lombardia”. Le ragioni della scelta di manifestare con una delegazione le ha spiegate bene la nostra segretaria metropolitana Silvia Roggiani in una intervista su la Repubblica Milano (che puoi leggere QUI). Per senso di responsabilità nei confronti delle norme di sicurezza che questo periodo impone, abbiamo deciso di non chiedere ai nostri iscritti di partecipare in massa, sebbene sappiamo bene che la voglia di manifestare sia tanta. Naturalmente porteremo in piazza anche la tua voce, chiedendo a gran voce un’inversione di rotta sulla sanità e le dimissioni di chi è responsabile di questo fallimento.

Come abbiamo più volte ribadito, anche attraverso i documenti del nostro Dipartimento Salute e Welfare, al di là degli errori macroscopici su tamponi e RSA, quello che è mancato è una vera medicina territoriale.
Anche se dopo quattro mesi, siamo soddisfatti che finalmente la maggioranza abbia ceduto sulle  proposte avanzate dal gruppo PD in Lombardia, approvando una mozione all’unanimità in Consiglio regionale (qui post Facebook). Ora la Regione dovrà: rendere obbligatori i vaccini antinfluenzali per gli over 65 e le persone più fragili o a rischio; utilizzare i fondi destinati alla sanità dal Governo nazionale per l’assunzione di medici e infermieri, potenziando le Unità speciali per la continuità assistenziale; prevedere una struttura di programmazione sanitaria in grado di organizzare il tracciamento con test sierologici e relativi tamponi per tutti gli operatori sanitari; ripristinare entro ottobre le attività ambulatoriali e di ricovero sospese per l’emergenza.

Anche quest’anno, in sede di dichiarazione dei redditi, è possibile sostenere il nostro Partito e invitare amici e/o parenti a farlo, destinando il 2x1000 al PD, con il codice M20.
Il 2x1000 rappresenta il nostro principale sostentamento e, al tempo stesso, la nostra garanzia di libertà. Sebbene la sospensione di qualsiasi attività e incontro per l'emergenza coronavirus, siamo l’unico partito che organizza le primarie, che promuove la partecipazione di iscritti ed elettori, che è presente sul territorio con migliaia di circoli che fanno politica attiva. Come sai bene, però, tutto questo non è esente da costi. Con l’abolizione del finanziamento pubblico ai partiti abbiamo restituito dignità alla politica, scegliendo di prevedere forme di partecipazione che lasciassero ai cittadini la libertà di decidere chi sostenere. Aiutaci a diffondere la campagna: donare il 2x1000 al Partito Democratico non costa nulla, ma ci aiuta ad essere più liberi.



 

 
Alziamo la voce: il razzismo non fa respirare! Stampa
Martedì 09 Giugno 2020

 

 

Cara Democratica, caro Democratico, oggi il mondo è scosso dall'uccisione di George Floyd, un afroamericano soffocato fino alla morte da un poliziotto bianco nella città statunitense di Minneapolis. 
Il fatto di cronaca risale al 25 maggio, eppure, a distanza di 10 giorni le proteste non si placano ma anzi stanno dilagando in tutto il mondo. Perché quella di George non è solo la sua storia, è molto di più. La sua morte è il simbolo dell'oppressione, dell'abuso di potere, del razzismo che ancora trova spazio in America, come altrove. 

Le manifestazioni oltre ad aver toccato ogni stato degli Usa stanno valicando i confini, fino all'Italia e, pensa, addirittura in un Paese come la Siria, dove un ragazzo ha dipinto l'immagine e le parole divenute simbolo "I can't breath". In mezzo alle proteste pacifiche che hanno visto tante persone riversarsi per strada si sono insinuati coloro che, strumentalizzando il movimento "Black Lives Matter", devastano  e saccheggiano. Questo ha l'effetto di distogliere l'attenzione dal problema principale che ha a che fare con l'enorme disparità che esiste fra neri e bianchi negli USA. 
Di fronte a tutto questo, e a un Presidente come Trump che ha condannato tutte le proteste e perfino chiesto di reprimerle con l’uso della forza, è impossibile restare in silenzio o peggio indifferentiLa storia di Geroge Floyd ci invita a riflettere su ingiustizie sociali che non possiamo ignorare. Il primo passo per condannare l'idea violenta per cui sia normale discriminare per motivi di razza, religione o orientamento sessuale è alzare la voce e denunciare chi opprime. Anche in Italia, dove dobbiamo lottare per un'uguaglianza piena che non è ancora acquisita. 

Per questo motivo abbiamo scelto di aderire alla manifestazione che si terrà a Milano, in piazza Duca D'Aosta, domenica 7 Black lives matter - Il razzismo non fa respirare. Parteciperemo con una piccolissima delegazione, nel pieno rispetto del divieto di assembramenti e delle regole di sicurezza che questa fase di emergenza ci impone. Sappiamo bene che questa pandemia ci ha costretto a rinunciare a tanti cortei e manifestazioni, ma non possiamo vanificare gli sforzi compiuti sino ad ora, per questo domenica saremo presenti in pochi, per portare la voce della nostra comunità, che non può rimanere in silenzio. Ci saremo in solidarietà di George Floyd e per tutte le vittime di razzismo e violenze ingiustificate, in Italia e nel mondo. Alziamo la voce, e continuiamo a farlo attraverso gli strumenti della rete, per rivendicare equità e giustizia




C'è un'altra cosa di cui vorremmo parlarti: è il forum delle competenze. Sul nostro sito MailScanner ha rilevato un possibile tentativo di frode proveniente da "news.pdmilano.net" www.pdmilano.it abbiamo inaugurato una sezione dedicata in cui raccogliamo interessi, professionalità e passioni di chiunque abbia voglia di metterli in rete a servizio della nostra comunità. Questo è il link: bit.ly/36ZIowu



Lunedì abbiamo lanciato la campagna di tesseramento 2020 "C'è da fare e da rifare. La differenza la fai tu". Ti chiediamo di darci una mano sostenendo il post Facebook e condividendolo fra i tuoi contatti! 

APPUNTAMENTI 

"FormAzione: Conoscere il passato per migliorare il presente"  
Da sabato 6 giugno parte la scuola di formazione online delle Donne Democratiche di Milano Metropolitana, che sarà strutturata in due filoni: il primo sulla Leadership Femminile con Laura Gambirasi, Consulente Relazionale, Trainer certificata Siaf Italia; il secondo filone da settembre sarà invece sulla storia del femminismo e sulla parità di genere con molte docenti universitarie e amministratrici. Possono partecipare persone iscritte e non iscritte al PD, e, ad eccezione del primo filone, uomini e donne. Inoltre, proponiamo un percorso parallelo "Soft skills ai tempi del Covid" con Paola Battaglia, Direttrice dell’istituto di crescita personale La Rinascita dell’Essere che si potrà frequentare e seguire sulla pagina Facebook delle Democratiche gratuitamente e senza iscrizione.
Tutte le info su date, orari e modalità di iscrizione a questo link: MailScanner ha rilevato un possibile tentativo di frode proveniente da "news.pdmilano.net" https://www.donnedemocratiche.it/formazione-online/, mentre QUI l'evento Facebook. 



          



Conferma la tua iscrizione
Cancellati per non ricevere più mail 

 

 

 
C'è da fare e da rifare. La differenza la fai tu | Tesseramento 2020 Stampa
Lunedì 01 Giugno 2020

 

 

Cara Democratica, caro Democratico, abbiamo inaugurato la campagna di tesseramento 2020 "C'è da Fare e da Rifare. La differenza la fai tu"
Abbiamo scelto questo slogan perché crediamo che questo sia il tempo del coraggio. Il coraggio di essere in prima fila e di rimboccarsi le maniche per affrontare questa crisi sanitaria, economica e sociale, e di trasformala in un’opportunità.

Il coronavirus ci ha spiazzato, ma ha acceso in noi ancora di più la voglia di impegnarci e di fare la nostra parte. Se guardiamo indietro ripercorriamo un anno intenso, di battaglie vinte insieme, di manifestazioni nelle piazze. Il 2019 è stato l’anno della prima Festa de l'Unità plastic free al Karma, giorni di cui sentiamo nostalgia, perché probabilmente non sarà possibile replicarli nel 2020. Gli ultimi mesi ci hanno costretto a ripensare il nostro modo di fare politica e di essere comunità, trovando nuove strade per non rinunciare alla partecipazione e al coinvolgimento.

C’è da fare, perché l’emergenza del covid-19 ha cambiato le nostre abitudini e certezze, e ci sono pagine bianche da scrivere, ma c’è anche da rifare perché questa crisi ha svelato nuove povertà, nuove disuguaglianze e nuovi bisogni per i quali c’è bisogno di ripensare a un nuovo modello di società e di sviluppo delle nostre città e del nostro Paese. La differenza la fai tu: la fanno le tue idee, le tue ambizioni, la tua voglia di costruire un domani post coronavirus.

Con questa campagna di tesseramento vogliamo che ad essere protagonisti siano uomini e donne, giovani e meno giovani, che portino la loro voglia di partecipare e di dare vita ad una comunità che fa del suo impegno civico, prima che politico, il suo tratto distintivo. Perché essere parte del Partito Democratico di Milano Metropolitana vuol dire essere parte di un gruppo che con coraggio contribuisce al miglioramento di tante piccole cose, a cominciare da quello che ci sta intorno nei nostri quartieri, per il bene della collettività, dialogando con le istituzioni e con i mondi vitali. Aprendo nuove strade, come abbiamo provato a fare con l'evento Milano-Italia, scriviamo un nuovo futuro.

Il percorso che ci aspetta oggi non è dei più semplici, appare in salita, ma non esistono sfide facili e noi questo lo sappiamo bene. Se in questi anni abbiamo raggiunto traguardi importanti è stato perché non ci siamo mai arresi e abbiamo trovato la forza di rilanciare anche quando il risultato da raggiungere era lontano. Anche stavolta possiamo farlo, se accettiamo di essere in prima fila, se scegliamo di lottare e non di arrenderci.
Siamo certi, ancora una volta, che sia proprio tu quello che può fare la differenza, quello che può portare il suo contributo e scrivere il capitolo di una nuova storia.
Questo è il momento della proposta e c'è bisogno di idee e di braccia per fare e rifare. E noi contiamo su di te, sulla tua passione e sulla tua voglia di esserci, anche in questa enorme sfida per Milano Metropolitana e per l'Italia tutta.

 

 
Scriviamo un nuovo futuro | Leggi i resoconti dei 16 tavoli Stampa
Martedì 26 Maggio 2020

 

Cara Democratica, caro Democratico,

da poco più di una settimana siamo entrati nella cosiddetta fase 2, che per molte e molti è ancora sinonimo di incertezza e preoccupazione, ma anche di fatica nel guardare al futuro. Lo è, in particolare, per chi ha vissuto la perdita dei propri cari, per chi questa emergenza ha significato la messa in discussione del proprio lavoro e del proprio reddito, per la generazione di ragazzi e bambini che si trovano a vivere una scuola a distanza, per le donne che hanno dovuto farsi carico - ancora una volta - di una conciliazione spesso impossibile tra famiglia e lavoro.

Come Partito Democratico in questi mesi ci siamo impegnati al massimo e a tutti i livelli. Al governo, per mettere in campo misure straordinarie, in Europa, nelle amministrazioni locali, con i nostri sindaci schierati in prima linea per dare risposte ai cittadini, in regione,  dove abbiamo fatto sentire la nostra voce contro le scelte scellerate dell'assessore alla Sanità Giulia Gallera e del Presidente Attilio Fontana.
Crediamo però che la politica, insieme a te, alle istituzioni, al mondo produttivo, ai Sindacati, al Terzo settore, alle cittadine e ai cittadini, possa fare ancora di più. 
È per questo che sabato 16 maggio abbiamo promosso un grande evento virtuale "Milano-Italia, Scriviamo un nuovo futuro" mettendo assieme tutti gli attori della ripartenza. E ci teniamo a ringraziare tutti coloro che vi hanno preso parte, portando le loro idee e il loro contributo.

È stato un successo in termini di partecipazione e di preziosi spunti raccolti, la dimostrazione di una rinnovata voglia di protagonismo per aprire insieme nuove strade e scrivere un nuovo futuro, che immagini una società nuova, con più diritti e maggiore equità sociale.

Quello di sabato, però, non è stato un punto di arrivo, ma un punto di partenza. A questo link puoi consultare i resoconti (in aggiornamento) a cura dei moderatori di ciascuno dei 16 tavoli di lavoro, mentre qui puoi rivedere la plenaria in diretta Facebook con la segretaria metropolitana Silvia Roggiani, il segretario regionale Vinicio Peluffo, il sindaco Beppe Sala e il vicesegretario nazionale Andrea Orlando.
Se non sei riuscito a partecipare e vuoi mandarci le tue proposte di integrazione o commenti ti invitiamo a farlo, rispondendo a questa e-mail, entro lunedì 1° giugno. 
Tutte le proposte verranno trasmesse ai vari livelli di governo.

In vista del 16 maggio ti abbiamo chiesto di essere protagonista del futuro che si apre: non fermarti ora, continuiamo insieme!



 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 11

Risorse

Notizie dal PD