Cerca nel sito


Circolo P.D. di San Giuliano Mil.se
Militante risponde a Pif Stampa
Mercoledì 14 Marzo 2018

In questo video di poco più di 2 minuti, un militante del nostro Partito risponde a PIF (attore e regista cinematografico) sul perché il Partito Democratico non darà il proprio appoggio ad un governo del M5S da lui auspicato.

 

https://youtu.be/ulVUiW1fryI

 
Il documento della Direzione Stampa
Martedì 13 Marzo 2018

Ecco il testo del documento finale approvato dalla Direzione nazionale del Pd con sette astenuti

La direzione nazionale del Partito Democratico:

– prende atto delle dimissioni del segretario e lo ringrazia per il lavoro e l’impegno appassionato di questi anni alla guida del Partito, nella sfida politica e di governo intrapresa sempre con grande determinazione;

– assume come avvio del confronto la relazione del vicesegretario che svolgerà le funzioni di Segretario fino all’Assemblea nazionale convocata – come da Statuto – dal Presidente, e condivide le proposte avanzate sulla gestione collegiale dei prossimi passaggi politici.

– riconosce l’esito negativo del voto, garantisce il pieno rispetto delle scelte espresse dai cittadini e al Presidente della Repubblica il proprio apporto nell’interesse generale. Il Partito Democratico si impegnerà dall’opposizione, come forza di minoranza parlamentare, riconoscendo che ora spetta alle forze che hanno ricevuto maggior consenso l’onore e l’onere di governare il paese;

– chiama a un impegno straordinario le federazioni regionali, provinciali e i circoli per promuovere a ogni livello il più ampio confronto di analisi e proposta per individuare insieme il percorso da seguire per il rilancio del Partito Democratico nella società italiana.

 
Comunicato sul centro commerciale Stampa
Venerdì 23 Febbraio 2018

 

Il malaffare cerca in tutti i modi di insinuarsi nella pubblica amministrazione, sotto forma di cattiva gestione finanziaria o di false fatture e inesistenti fidejussioni bancarie.

Quando la politica entra in crisi allora interviene un modo più spiccio di bypassare le leggi e le normative.

Molto più semplice e più redditizio corrompere politici e funzionari: si risparmia sugli oneri dovuti e si accelerano i processi normativi.

Abbiamo perso le speranze nella politica? Sono tutti uguali? No, per fortuna.

Noi del Pd crediamo nella buona politica, nel buon governo del paese.

E lo abbiamo dimostrato anche in questa circostanza.

E’ stato il nostro sindaco di allora, Alessandro Lorenzano, a inviare un esposto alla magistratura, in cui si ‘esponeva’ appunto questa anomalia amministrativa, ovvero la concessione di permessi a costruire senza il deposito delle fidejussioni bancarie.

Un progetto che prevedeva, oltre al centro commerciale e ad un albergo, l’interramento dei tralicci di zivido e la fermata ferroviaria al servizio dei cittadini di questo popoloso quartiere sangiulianese.

Per la quale faremo una doverosa battaglia!

Non si è trattato di guerra politica con gli amministratori precedenti, ora coinvolti, ma di una giusta azione a difesa e a rispetto delle leggi.

Rivendichiamo con orgoglio le nostre scelte di quel periodo, contro le intimidazioni, e contro la solitudine in cui ci hanno lasciato le forze dell’opposizione quando decidemmo in quel consiglio comunale del 16 marzo 2015 di rigettare le istanze della società che premeva per ottenere illecitamente le convenzioni edilizie.

Ora che la magistratura sta facendo il suo corso, dobbiamo esprimere l’orgoglio e la dignità della nostra azione in difesa dell’onestà e della dignità della politica, della nostra buona politica, che riguarda tutte le forze che siedono ora sui banchi del Consiglio Comunale.

Non lasciateci soli come allora!

Rivendichiamo il coraggio e la temerarietà delle nostre scelte, una pagina di chiarezza e di insegnamento per tutti i cittadini e per i giovani che si affacciano alla politica!

 

 
FATTO, ORA FARE Stampa
Martedì 06 Febbraio 2018

 

ABBIAMO FATTO versus VOGLIAMO FARE

  1. Restituito 80€ netti al mese ai dipendenti con stipendio inferiore ai 1.500€ al mese. Estendere una misura universale di sostegno,a partire da 80€ in più al mese, per ogni figlio fino ai 18 anni.
  2. Aumentato gli occupati con un milione di nuovi posti di lavoro grazie al JobsAct. Ridurre il cuneo contributivo di 4 punti in 4 anni (dal 33% al 29%): il lavoro a tempo indeterminato vale di più, deve costare meno.
  3. Approvato la legge sull'educazione dei più piccoli, sul modello Reggio Emilia, la scuola 0/6. Realizzare un piano nazionale di asili nido da 100 milioni di € l'anno per tutta la legislatura.
  4. Aboliti i CoCoPro. Salario minimo legale per combattere i lavori sottopagati.
  5. Dimezzati i permessi sindacali. Una legge sulla rappresentanza sindacale per evitare che microsigle sindacali condizionino la vita di tutti i cittadini con scioperi selvaggi.
  6. Approvata la legge sul Dopo di Noi. Realizzare un piano di accessibilità universale per garantire qualità della vita adesso.
  7. Istituito l'assegno di ricollocazione per chi perde il posto di lavoro. Attribuire una tessera gratuita di sei mesi per viaggiare sui treni per chi perde il posto di lavoro.
  8. Istituto il Bonus Bebè. Istituire la Carta Universale dei Servizi dell'Infanzia (400€ al mese per i primi tre anni da spendere per asilo, servizi di cura, baby sitter).
  9. Valorizzato con la legge 107 l'alternanza scuola lavoro. Portare a centomila il numero degli studenti degli ITS (istituti tecnici superiori): nel tempo dell'intelligenza artificiale e della robotica, il futuro dell'Italia parte dalla formazione e dalle competenze.
  10. Abbassato l'Ires dal 27.5% al 24% con eliminazione della componente costo del lavoro dall'Irap come richiesto per anni dal mondo produttivo. Riduzione ulteriore dell'IRES e dell'IRI per piccole imprese fino al 22% : uno dei livelli più bassi in tutta Europa.
  11. Eliminato l'IMU e la TASI sulla prima casa e sugli imbullonati. Aumentare le deduzioni IMU per i fondi di professionisti, artigiani e commercianti.
Leggi tutto...
 
Comunicato Partito Democratico Stampa
Giovedì 25 Gennaio 2018

 

COMUNICATO PARTITO DEMOCRATICO

Il consiglio comunale del 23 gennaio sancisce la fine della caccia alle streghe contro il Partito Democratico. In questo anno e mezzo di prolungamento di campagna elettorale, l’amministrazione comunale, più che lavorare per risolvere i problemi della nostra città, ha impiegato il tempo a ricercare colpe politiche della passata amministrazione che oggi chiariscono NON ESISTERE.

ATM è il simbolo di questo modus operandi

Nella relazione finale della commissione di indagine sui debiti fuori bilancio, per cui questa amministrazione ha deciso di dichiarare il predissesto dell’ente, pare chiaro che pur di andare contro la vecchia amministrazione si è modificato l’indirizzo che resisteva al pagamento della cifra richiesta, visto i forti elementi che ne rendevano difficile il calcolo e di riconoscere una cifra ad ATM di 1,7 Mln che ancora oggi non si capisce da quali elementi sia stata desunta.

La tesi politica della maggioranza era che tra il comune di Milano e San Giuliano Milanese ci fosse un accordo politico di non pagare ATM per far stare in piedi il bilancio del comune di San Giuliano Milanese quando peraltro dalle dichiarazioni dei dirigenti emerge chiaramente che il debito è sempre stato messo a bilancio negli anni in questione. Per dimostrare questa tesi si è fatto di tutto. Da pagare una cifra senza un’approfondita analisi a scambi di competenze tra sindaco, dirigenti, giunta e consiglio comunale fino alla sceneggiata di ieri sera dove è stata presentata una nuova relazione della commissione di indagine redatta e firmata dalla sola maggioranza al di fuori della commissione, dei tempi stabiliti dalla commissione stessa e di ogni correttezza politica.

Questo modo vendicativo di governare sta nuocendo alla città e i risultati disastrosi di questa scelta politica stanno venendo a galla: tre decisioni importanti, tre fallimenti: dalla commissione di indagine sui debiti fuori bilancio, al concordato Genia ( respinto dal curatore fallimentare e rimandato al mittente ) e al predissesto, che ora risulta chiaro essere stato dichiarato per una vendetta politica verso il P.D.

 

 
Il Compagno Giuseppe Zafferini Stampa
Venerdì 10 Novembre 2017

IMG 7327

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 6